Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La guida ai Servizi della struttura è lo strumento, di facile utilizzo,  che consente ai cittadini  di usufruire agevolmente dei molteplici servizi sanitari. 

informativa per gli utenti

Il Centro Studi della Scoliosi è autorizzato ad espletare attività di riabilitazione ed è accreditato con il Servizio Sanitario Nazionale. 

Per espletare la propria attività il Centro utilizza una struttura rispondente agli standard architettonici previsti dalle normative vigenti. Il centro ottempera fedelmente alla normativa vigente in materia sanitaria. (L. 502/92. DL. 517/93. DGLS.81/08 e s.m.i.  L. 196/03. DPR. 377/97).

E’ così strutturato:

Zona ingresso per ricevimento pazienti con sala di attesa, servizi di accettazione e prenotazione, servizi igienici per gli utenti, ivi compresi i portatori di handicap e Direzione Tecnica;

ELENCO DELLE PRESTAZIONI EROGABILI

  1. RSA
  2. SEMICONVITTO
  3. IDROKINESITERAPIA
  4. TERAPIA OCCUPAZIONALE
  5. PSICOTERAPIA
  6. NEUROPSICOMOTRICITA’
  7. LOGOPEDIA
  8. FISIOTERAPIA
  • Elettroterapia di muscoli normo o denervati (mano, viso e altri distretti);
  • Esercizi posturali propriocettivi;
  • Irradiazione infrarossa e ipertermia;
  • Magnetoterapia;
  • Mobilizzazione della colonna vertebrale e di altre articolazioni;
  • Rieducazione motoria attiva e/o passiva per patologia semplice e complessa;
  • Risoluzione manuale di aderenze articolari; 

ORARIO DI ACCESSO

Tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 08:00 alle 19:00.

ORARI PER PRENOTAZIONI

Ogni giorno dalle ore 08:00 alle 19:00.

TEMPI MASSIMI DI ATTESA

I tempi di prenotazione vanno da 1 giorno a un max di 5 ed in genere non superano i 3 giorni.

I DOVERI DEI PAZIENTI

  1. Il cittadino malato, è invitato ad avere un comportamento responsabile in ogni momento, nel rispetto e nella comprensione dei diritti degli altri malati, con la volontà di collaborare con il personale medico, infermieristico, tecnico e con la direzione della sede sanitaria in cui si trova.
  2. L'accesso in un'altra struttura sanitaria esprime da parte del cittadino-paziente un rapporto di fiducia e di rispetto verso il personale sanitario, presupposto indispensabile per l'impostazione di un corretto programma sanitario.
  3. E' dovere di ogni paziente informare tempestivamente i sanitari sulla propria intenzione di rinuncia, secondo la propria volontà, a cure e prestazioni sanitarie programmate affinché possano essere evitati sprechi di tempi e risorse.
  4. Il cittadino è tenuto al rispetto degli ambienti, delle attrezzature e degli arredi che si trovano all'interno delle strutture sanitarie, ritenendo gli stessi patrimonio di tutti e quindi anche propri.
  5. Chiunque si trovi in una struttura sanitaria è chiamato al rispetto degli orari delle visite stabiliti dalla Direzione Sanitaria, al fine di permettere lo svolgimento della normale attività terapeutica e sanitaria. Nella considerazione di essere parte di una comunità , è opportuno evitare qualsiasi comportamento che possa creare situazioni di disturbo o disagio agli altri.
  6. L'organizzazione e gli orari previsti nella struttura sanitaria nella quale si accede, devono essere rispettati in ogni circostanza. Le prestazioni sanitarie richieste in tempi e modi non corretti determinano un notevole disservizio per tutta l'utenza.
  7. E' opportuno che i pazienti ed i visitatori si spostino all'interno della struttura sanitaria utilizzando i percorsi riservati ad essi, raggiungendo direttamente le sedi di loro stretto interesse.
  8. Il personale sanitario, per quanto di competenza, è invitato a far rispettare le norme enunciate per il buon andamento della struttura  ed il benessere del cittadino malato.
  9. Il cittadino ha diritto ad una corretta informazione sull'organizzazione della struttura sanitaria, ma è anche un suo preciso dovere informarsi nei tempi e nelle sedi opportune.

I DIRITTI DEI PAZIENTI

  1. Il paziente ha diritto di essere assistito e curato con premura ed attenzione, nel rispetto della dignità umana e delle proprie convinzioni filosofiche e religiose.
  2. Il paziente ha diritto di ottenere dalla struttura sanitaria informazioni relative alle prestazioni dalla stessa erogate, alle modalità di accesso ed alle relative competenze. Lo stesso ha il diritto di poter identificare immediatamente le persone che lo hanno in cura.
  3. Il paziente ha diritto di ottenere dal sanitario che lo cura informazioni complete e comprensibili in merito alla diagnosi della malattia, alla terapia proposta e alla relativa prognosi.
  4. In particolare, salvo i casi di urgenza nei quali il ritardo possa comportare pericolo per la salute, il paziente ha diritto di ricevere le notizie che gli permettano di esprimere un consenso effettivamente informato prima di essere sottoposto a terapie od interventi; dette informazioni debbono concernere anche i possibili rischi o disagi conseguenti al trattamento. Ove il sanitario raggiunga il motivato convincimento dell'inopportunità di una informazione diretta, la stessa dovrà essere fornita, salvo espresso diniego del paziente, ai familiari o a coloro che esercitano potestà tutoria.
  5. Il paziente ha, altresì diritto di essere informato sulla possibilità di indagini e trattamenti alternativi, anche se eseguibili in altre strutture. Ove il paziente non sia in grado di determinarsi autonomamente le stesse informazioni dovranno essere fornite alle persone di cui all'articolo precedente.
  6. Il paziente ha diritto di ottenere che i dati relativi alla propria malattia ed ogni altra circostanza che lo riguardino, rimangano segreti.
  7. Il paziente ha diritto di proporre reclami che debbono essere sollecitamente esaminati, ed essere tempestivamente informato sull'esito degli stessi

MODALITA’ DI PAGAMENTO PER LE PRESTAZIONI EX ART. 44

Il paziente provvede al saldo delle prestazioni al momento dell’inserimento della terapia a; eventuali  disposizioni diverse sono a discrezione della Direzione.

Il Centro è convenzionato con il Servizio  Sanitario Nazionale per Centro di Riabilitazione Neuromotorio.

Il tariffario praticato ai pazienti non esenti dal tiket è quello previsto dal SSN

 Le esenzioni definite dalla Regione Campania a far data dal 1/5/05 relative al reddito sono così formalizzate:

  • Esenzione per i Disoccupati perdenti posto di lavoro dietro loro dichiarazione autocertificata con reddito inferiore a 8 mila euro.
  • Anziani oltre i 65 anni con reddito non superiore a 36 mila euro.
  • Anziani dopo i 60 anni con pensione a minimo.
  • Bambini fino a 6 
  • Titolari di pensioni sociali e familiari a carico
  • Persone affette da patologia, dietro certificazione ASL a seguito controlli, ed emissione tesserino con numero identificativo e relativi esami gratuiti.
  • Gestanti secondo tabella a disposizione al banco Accettazione.

Per coloro che rientrano in una delle categorie di esenzione per reddito devono compilare apposito modulo di autocertificazione da consegnare al distretto di appartenenza.

 

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn